Antiogu Giosepi Casula

(famau Montanaru)

(Dèsulu 1878 – 1957)

“Antioco Casula, più noto sotto lo pseudonimo di Montanaru, si ha da ritenere, per concorde giudizio della critica, il più importante ed interessante poeta in volgare sardo della letteratura contemporanea.”.

Nàscïu e pesau in Dèsulu, in su coru de sa Barbàgia, a 16 annus Antiogu lassat sa scola e a 18 annus intrat in s’Arma de is Carabineris.

Cumentzat insaras a scriri poesias. In su 1899 in sa “Piccola Rivista” de Ranieri Ugo, amigu de Pascarella, Scarfoglio e D’Annunzio, bessit su sonetu Desulu: s’esòrdiu de Montanaru. Ugo ddi cunsillat de pubricai un’arregorta cun totu is poesias de sa gioventudi. E est aici chi in su 1904 bessit Boghes de Barbagia, unu lìburu apretziau meda siat de is crìticus literàrius Raffa Garzia e Antoni Scano e siat de Gràtzia Deledda e Bustianu Satta.

Antiogu lassat sa carrera de s’Arma, torrat a cumentzai a studiai, si pigat su diploma e torrat a Dèsulu po traballai che a maistu de scola. Innì detzidit de cumentzai una batalla po spartzinai sa lìngua sarda in sa scola, ca sa lìngua sarda, naràt, est forti, blanda e luxenti che a su metallu e po custu spirònciat biva e frisca de su coru de su pòpulu po cantai su dolori e su prexu, sa fortza e sa spera.

“Il diffondere l’uso della Lingua sarda in tutte le scuole di ogni ordine e grado non è per gli educatori sardi soltanto una necessità psicologica alla quale nessuno può sottrarsi ma è il solo modo di essere Sardi. […] Spetta a noi maestri in primo luogo di richiamare gli scolari alla conoscenza del mondo che li circonda usando la lingua materna.”

In su 1922 pubricat su segundu lìburu de poesias, “Cantigos d’Ennargentu”, chi ddu cunsagrat che a unu de is poetas mannus de Sardìnnia. Cumentzant a tradusi is poesias suas finsas in frantzesu, tedescu e inglesu. A custa arregorta sighit, in su 1933, “Sos cantos de sa solitudine” e a ùrtimu, in su 1950, Sa Lantia.

In su 1925 benit finsas incarrigau de arrapresentai sa Sardìnnia a su primu Cungressu natzionali de is dialetus de Itàlia.

Apustis de sa fini de su Fascismu Antiogu s’assentat a su Partidu Sardu de Atzioni cun sa spera de trasmiti a is “fradis sardus” is bideas suas po una Sardìnnia lìbera e indipendenti.

Ddu tzerriant puru po fai de giurau a su “Concorso nazionale di poesia dialettale”, presidenti Giuseppe Ungaretti. In cuss’ocasioni connoscit a Pier Paolo Pasolini, chi aprètziat meda s’arti poètica de Montanaru.

Antiogu Casula in s’òpera sua detzidit de no imperai sa fueddada populari desulesa. Issu imperat una fueddada logudoresa prus arta, cun sceti calincunu fueddu desulesu e cancu italianismu, chi sestat e fùrriat a comenti prus dd’agradat po acojai su chi est aresti cun su chi est literàriu, “metà che sa di cassapanca, di bisaccia e di bordone e metà che sa di biblioteca e di letteratura: Virgilio, Orazio e l’abate Meli sotto braccio con i pastori e i mandriani di Barbagia.”

Come desideri visualizzare il sito web ?

Comenti ddu bolis biri su giassu web?